Release details

2017-09-29 01:30 CEST
  • Print
  • Share Share
en it

ITALEAF: il CdA di TerniEnergia approva i risultati al 30 giugno 2017

COMUNICATO STAMPA 28 SETTEMBRE 2017

ITALEAF: il CdA di TerniEnergia approva i risultati al 30 giugno 2017

  • Ricavi pari a Euro 40,2 milioni, -20,4 % (Euro 50,5 milioni al 30/06/2016)
  • EBITDA pari a Euro 6,8 milioni, -28,2 % (Euro 9,5 milioni al 30/06/2016) con Ebitda Margin al 17% (18,8% al 30/06/2016)
  • EBIT pari a Euro -6,2 milioni (Euro 5,9 milioni al 30/06/2016)
  • Risultato Netto pari a -6,5 milioni, (Euro 1,1 milioni al 30/06/2016)
  • Posizione Finanziaria Netta pari a Euro 87,5 milioni, di cui a breve per Euro 10,9 milioni (Euro 93,9 milioni al 31/12/2016, di cui a breve Euro 14,8 milioni)
  • Patrimonio Netto pari a Euro 54,1 milioni (Euro 57,5 milioni al 31/12/2016)
  • Dimissioni del Consigliere Indipendente Laura Rossi

Il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia, smart energy company quotata sul segmento Star di Borsa Italiana e parte del Gruppo Italeaf, ha approvato in data odierna la relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2017.

RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2017

I ricavi, pari a Euro 40,2 milioni (Euro 50,5 milioni al 30/6/2016; -20,4%), evidenziano il contributo in crescita dell'energy management, dei cantieri avviati in Tunisia e in Zambia e i ricavi attribuibili al progetto di riqualificazione ed efficientamento energetico di Copernico Torino. 

L'EBITDA si attesta a Euro 6,8 milioni in diminuzione (-28,2%) rispetto al 30 Giugno 2016 (Euro 9,5 milioni), con Ebitda Margin pari al 17% (18,8% al 30/6/2016).

Il Risultato Operativo Netto (EBIT) è pari a Euro -6,2 milioni (Euro 5,9 milioni al 30 Giugno 2016), dopo ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni per Euro 13 milioni circa. Le svalutazioni sono attribuibili in parte alla sospensione delle attività di EPC derivante dalle scelte assunte dal precedente management e in parte all'allineamento al valore di impairment di un asset.

Il risultato netto pari a Euro - 6,5 milioni, rispetto a Euro 1,1 milioni al 30 Giugno 2016.

La Posizione Finanziaria Netta è pari a Euro 87,5 milioni (in sensibile riduzione rispetto a Euro 93,9 milioni al 31/12/2016). La Posizione Finanziaria Netta non corrente è pari a Euro 76,6 milioni, mentre la Posizione Finanziaria Netta a breve è pari a Euro 10,9 milioni. Il rapporto PFN/Patrimonio Netto si attesta a 1,62x pressoché costante rispetto a 1,63x al 31/12/2016.

Il Patrimonio Netto è pari a Euro 54,1 milioni (Euro 57,5 milioni al 31/12/2016), e tiene conto anche delle azioni proprie detenute in portafoglio, che ammontano a n° 1.012.998 (2,15% del capitale sociale).

RISULTATI INDUSTRIALI AL 30 GIUGNO 2017

Sono state avviate le fasi di progettazione per l'impianto fotovoltaico da 10MW per conto di STEG in Tunisia e da 34 MW in Zambia per conto di primaria utility internazionale. Il numero complessivo di impianti fotovoltaici costruiti da TerniEnergia dall'inizio dell'attività è pari a 274, con una capacità cumulata di circa 425,27 MWp (di cui 12 MWp detenuti al 100% dalla Società e 42 MWp in joint venture, destinati all'attività di power generation). La produzione complessiva di energia degli impianti in full ownership e in Joint Venture per l'attività di power generation è stata pari a circa 34 milioni di kWh.

La business line Energy management ha gestito circa 36.984.102 di Standard metri cubi di gas equivalenti a 404.736 MWh.

La società Softeco Sismat, digital company del Gruppo, ha gestito e/o coordinato 11 progetti di ricerca. Le attività di fornitura di servizi e soluzioni di Softeco hanno visto una significativa espansione di alcune collaborazioni strategiche con ENEL, SIEMENS e LEONARDO nelle reti di distribuzione, con TOSHIBA nel significativo settore dei collegamenti con tecnologia HVDC per Terna.

La business line Energy saving ha realizzato interventi per 1.392 punti luce con un risparmio atteso di 7 milioni di KWh e 1.309 TEP.

Nel settore ambientale sono operativi gli impianti di trattamento e recupero degli pneumatici fuori uso (PFU) di Nera Montoro (PFU trattato pari a 3.223 ton.; granulo e polverino di gomma venduti pari a 2.693 ton.) e impianto di Borgo Val di Taro (PFU trattato pari a 4.141 ton.; granulo e polverino di gomma venduto pari a 2.620 ton), impianto di biodigestione e compostaggio GreenAsm (rifiuto conferito pari a 17.736 ton.; energia immessa in rete 2.217 MWh, compost prodotto pari a 1.653 ton.) e, infine, impianto di depurazione delle acque di falda di Nera Montoro.

FATTI DI RILIEVO SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL SEMESTRE

CEDUTO IL 50% DI PURIFY SRL AD A.T.P. SRL

In data 20 Luglio 2017, TerniEnergia ha sottoscritto un accordo con Appalti Tecnologie Progettazione Ambienti & Costruzioni Srl (A.T.P.), per la cessione del 50% delle quote detenute dalla stessa TerniEnergia nella società Purify Srl, titolare di impianti di depurazione di rifiuti fluidi industriali e bonifica di acque di falda. Il corrispettivo complessivo della cessione è pari a Euro 3,425 milioni, che verrà regolato in due tranche: entro luglio 2017 per Euro 1,48 milioni ed entro il 30 giugno 2019 per Euro 1,94 milioni.

SFIDUCIA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NEI CONFRONTI DELL'AD E DIMISSIONI DELL'ING. PIERO MANZONI

In data 15 Settembre 2017, il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia ha approvato a maggioranza la sfiducia nei confronti dell'Amministratore delegato Ing. Piero Manzoni, prendendo atto delle dimissioni rassegnate dallo stesso Ing. Piero Manzoni, e contestando in toto le motivazioni poste dall'A.D. a fondamento delle proprie dimissioni. Il Consiglio di Amministrazione non ritiene che sussistano i presupposti per il riconoscimento di alcuna indennità in favore dello stesso. Il Consiglio ha inoltre riconfermato le deleghe già conferite ai consiglieri dott. Fabrizio Venturi e dott.ssa Laura Bizzarri, nonché al Presidente del Consiglio di Amministrazione Avv. Stefano Neri, al fine di assicurare la stabilità e la continuità della governance della Società.

INTEGRAZIONE AL COMUNICATO DIFFUSO IN DATA 15 SETTEMBRE 2017

In data 18 Settembre 2017, TerniEnergia ha precisato - su richiesta di Consob - che l'interruzione del rapporto fiduciario con l'Amministratore delegato è stata dovuta ad un'insanabile divergenza di vedute tra l'Ing. Manzoni e il Consiglio di Amministrazione in merito alla visione strategica di TerniEnergia, al suo posizionamento prospettico nonché alla gestione amministrativa ed organizzativa del Gruppo.

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE

TerniEnergia, a seguito dell'acquisizione di Softeco Sismat e Selesoft e dei programmi di sviluppo strategico individuati dal management, completerà il processo di trasformazione e avvierà una fase di rilancio e riassetto su business a maggior valore aggiunto nel campo delle smart services e solutions orientate all'uso efficiente delle risorse naturali, sviluppando ed implementando tali soluzioni negli ambiti della generazione di energia elettrica, del risparmio energetico e della mobilità sostenibile. A questo si aggiungerà l'evoluzione dell'attività di gestione degli asset per la produzione di energia da fonti rinnovabili, l'efficienza energetica e il recupero e la trasformazione di materia in risorse redditizie nell'ambito dell'industria ambientale.

In particolare, nel settore ambientale, il gruppo intende completare il nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti fluidi industriali a Nera Montoro (TR), che consentirà di intercettare una consistente domanda (58.000 metri/cubi anno) in un segmento di mercato ad alta componente tecnologica e con elevate prospettive di crescita. Il riposizionamento delle attività, consentirà anche lo sviluppo e produzione industriale di soluzioni e tecnologie smart per la trasmissione e la distribuzione dell'energia (smart grid), la gestione flessibile e puntuale della produzione e del consumo energetico, l'efficienza energetica, la gestione delle energie rinnovabili e le isole energetiche. Sarà così possibile integrare le attività nelle rinnovabili, nell'efficienza energetica, nell'asset ed energy management con sistemi e soluzioni innovative e ad alto valore aggiunto, che consentano di introdurre nella filiera nuove tecnologie in grado di fare da ponte tra i business industriali e "fisici" e quelli digitali e "virtuali". Tra le attività previste e, in parte, già avviate vi sono importanti commesse in Africa (Tunisia e Zambia) e l'approccio a nuovi mercati ad alto potenziale di crescita (India), che rappresenteranno la base per la gestione della transizione in direzione della nuova identità del Gruppo come "abilitatore tecnologico" globale, che sarà prevista nelle linee guida del Piano strategico 2018-2020. Ciò consentirà di gestire i costi fissi con maggiore flessibilità e attraverso una più razionale allocazione degli stessi, anche in ragione dell'avvenuto ritiro - deciso dal CDA - del piano di licenziamento collettivo dell'organico della sede di Nera Montoro (TR).

TerniEnergia ha, inoltre, avviato un processo di deleveraging con l'obiettivo di perseguire un rafforzamento patrimoniale. Questo processo ha l'obiettivo di garantire le risorse finanziarie necessarie per sostenere lo sviluppo nel corso dei prossimi anni.

DIMISSIONI DEL CONSIGLIERE INDIPENDENTE LAURA ROSSI

Il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia, società quotata sul mercato STAR di Borsa Italiana, rende noto che, in data odierna, il Consigliere indipendente dott.ssa Laura Rossi ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di amministratore per asserita mancata tempestività nella trasmissione di informazioni necessarie per lo svolgimento informato del proprio ruolo di Consigliere indipendente.

Il Consiglio ha preso atto delle dimissioni, non condividendo le motivazioni addotte dalla dott.ssa Rossi, sottolineando, al contrario, come la struttura societaria abbia reagito prontamente ai recenti avvenimenti e abbia fornito un'informativa adeguata e costante tenuto anche conto della necessità di un'azione tempestiva.

La relazione della società di revisione legale sul bilancio semestrale abbreviato, a causa della tempistica con cui le è stata messa a disposizione la documentazione ad esso inerente, in conseguenza della sfiducia e delle dimissioni dell'Amministratore delegato come da comunicato stampa del 15 Settembre u.s., verrà pubblicata oltre i termini di cui all'art. 154 ter comma 2 del Decreto legislativo 58/98, non appena saranno completate le attività di revisione contabile limitata.

Il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Dott. Paolo Allegretti, dichiara, ai sensi del comma 2 dell'art. 154-bis del Testo Unico della Finanza, che l'informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

TERNIENERGIA (TER.MI), costituita nel mese di Settembre del 2005 e parte del Gruppo Italeaf, è la prima smart energy company italiana, impegnata a portare nel mondo soluzioni energetiche integrate e sostenibili. Organizzata in quattro linee di business (Technical services, Energy management, Energy efficiency e Cleantech), con circa 400 dipendenti e una presenza geografica in quasi tutti i Continenti, con sedi operative e commerciali, TerniEnergia sviluppa soluzioni, prodotti e servizi innovativi basati su tecnologie digitali e industriali per la filiera energetica.
TerniEnergia, anche attraverso le sue subsidiaries, persegue gli obiettivi di incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni, come stabilito dalla politica ambientale europea, e partecipa attivamente alla rivoluzione energetica della generazione elettrica distribuita e delle reti intelligenti.
TerniEnergia è il partner ideale per grandi utility, operatori della distribuzione e gestori delle reti, produttori di energia, pubbliche amministrazioni, clienti industriali e investitori che intendono realizzare grandi progetti per la produzione di energia rinnovabile, sistemi e impianti moderni ad elevata efficienza energetica, soluzioni per la gestione e la manutenzione delle infrastrutture e degli impianti elettrici. TerniEnergia, attraverso una completa offerta tecnologica e commerciale, sviluppa e fornisce tecnologie, servizi e soluzioni rivolte a clienti pubblici e privati consumatori di energia. TerniEnergia è quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana S.p.A..

Il presente comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società: www.italeaf.com e www.ternienergia.com

Certified Adviser

Mangold Fondkommission AB, +46 (0)8 5030 1550, è il Certified Adviser di Italeaf SpA su Nasdaq First North.

Per maggiori informazioni:
Filippo Calisti
CFO - Italeaf S.p.A.
E-mail: calisti@italeaf.com

Italeaf S.p.A., costituita nel dicembre 2010, è una holding di partecipazione e un acceleratore di business per imprese e startup nei settori dell'innovazione e del cleantech. Italeaf opera come company builder, promuovendo la nascita e lo sviluppo di startup industriali nei settori cleantech, smart energy e dell'innovazione tecnologica.
Italeaf ha sedi operative in Umbria a Terni e Nera Montoro nel Comune di Narni, a Milano e Lecce; ha filiali internazionali a Londra e a Hong Kong ed un centro di ricerca localizzato all'interno dell'Hong Kong Science and Technology Park. La società controlla TerniEnergia, quotata sul segmento STAR di Borsa Italiana e attiva nei settori delle energie rinnovabili, dell'efficienza energetica e del waste management, Skyrobotic, azienda di sviluppo e produzione di droni civili e commerciali nelle classi mini e micro per il mercato professionale, Numanova, attiva nella produzione di polveri metalliche per la manifattura additiva e l'industria metallurgica avanzata e Italeaf RE, società immobiliare. Italeaf detiene, inoltre, una partecipazione di minoranza in Vitruviano Lab, organismo di ricerca attivo nei settori dei materiali speciali, della chimica verde e del cleantech.

COMUNICATO STAMPA
Sep 28, 2017

HUG#2137923